Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Trabucco, 29/11/2014
Inserisci report
Onicer  admarc2
Regione  Lombardia
Partenza  Breno  (343 m)
Quota massima  2226 m
Dislivello  2000 m
Sviluppo  31 km
Tipologia  AM - All Mountain
Difficoltà  IV / S2+ ( S3+ )
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni Salita  Mediocri
Condizioni Discesa  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Giro con partenza ed arrivo a Breno, non ad anello, perchè siamo scesi dallo stesso versante della montagna e per il primo tratto la discesa ha ricalcato il percoso di salita (quello spallato). Si parte salendo su asfalto fino ad Astrio, e si prosegue fino ad incrociare la strada del Crocedomini; si continua comodamente e quasi indisturbati (il passo è chiuso) fino a Campolaro, dove si abbandona la strada piegando a sinistra. Qui si comincia a faticare, su mulattiera subito ripida. Non si spinge sui pedali per molto tempo, però: alla base del primo dosso la bici reclama il cambio, ed inizia lo spallaggio. Le cose procedono bene fino verso quota 2000, dove la neve marcia (ha piovuto sulla neve precedente) e l'erba isiga creano sul pendio ripido un'ottimo strato di scorrimento ad attrito ridotto, dove le scarpe pattinano agevolmente. Non ho guardato l'orologio, ma per fare gli ultimi 200 metri di dislivello ci avremo messo un'ora e mezza (compresi i tempi per riprendersi dalle mazzate sul coppino tirate dalla bicicletta). Comunque arrivati alla croce di legno, portata fin li dai compaesani di Castegnato, pregustiamo la succosa discesa sotto di noi, mangiando una pizzetta e bevendoci una coca. Indossate le protezioni, scendiamo divertendoci non poco, anche se con una certa iniziale apprensione, visto il fondo viiiscido. Una volta finito il tratto innevato, la discesa freeride sui pratoni diventa fin troppo facile, così una volta ricongiunti con la mulattiera, cerchiamo una traccia che tagli diretta. Ovviamente la troviamo quasi subito, e riusciamo a seguirla nel bosco molto ripido (alcune inversioni si devono fare piedi a terra) fino a ricongiungerci con la strada del Crocedomini, attorno al Km75. Un km più sotto, salendo, avevamo notato un sentiero che si staccava dalla strada, e ritrovatolo, lo imbocchiamo, seguendolo fino dove si congiunge con la strada principale e con il tracciato del sentiero n°1 dell'Adamello, che è stato negli ultimi esteso sino a Breno. Infatti, percorrendo perlopiù mulattiera ed acciottolato, riusciamo ad evitare l'asfalto fino a circa un km sopra alla nostra auto. Una meritata birretta nel bar a pochi metri dal parcheggio conclude degnamente il giro.
Con Davide, che ha apprezzato particolarmente l'ultimo tratto di salita.

N.B. Ho segnato 2000m nell'indicazione del dislivello, perchè mi è parsa l'indicazione più logica, nonostante la registrazione della traccia abbia dato un poco credibile 2800m, poi ridotto a 2300 una volta dato in pasto a Strava (di cui trovate sotto il link)
Report visto  1349 volte
Immagini             

[ Nessuna immagine disponibile ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report