Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Crozzon di Brenta - Via Normale (discesa dallo Spigolo Nord), 20/09/2014
Inserisci report
Onicer  andreaconc   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Vallesinella (1513m)
Quota attacco  3173 m
Quota arrivo  3135 m
Dislivello  300 m
Difficoltà  PD / II ( II obbl. )
Esposizione  Varia
Rifugio di appoggio  Rif. Brentei - Rif. Pedrotti
Attrezzatura consigliata  2 mezze corde, attrezzatura per discesa in doppia
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Visto che la pioggia della sera prima aveva infradiciato le pareti rendendole impraticabili, arrivati sotto la Tosa cambiamo itinerario e decidiamo di salire la normale per poi traversare al Crozzon e segnare la discesa dallo Spigolo Nord per renderla più facile. La traversata è molto bella, e dal passo del gatto in poi la roccia migliora decisamente, non sarà molto usuale percorrerla da questo verso, ma può decisamente valere la pena. Non sottovalutatela comunque, l'esposizione c'è.
Qui sotto lascio la relazione della discesa.

Relazione discesa in corda doppia dal Crozzon di Brenta

Spalle al bivacco andare in direzione N-O (verso la Val Brenta) seguendo tracce e ometti portandosi sul filo di cresta, seguirla per circa 10 minuti, in corrispondenza dell'uscita della Via Schulz (Spigolo Nord), un grosso ometto su un piccolo “pulpito” indica la prima calata (occhio ai sassi nel camino). Scesi alla cengia d'uscita del Pilastro dei Francesi, sulla direttrice dello spigolo a sinistra, troverete 2 ometti e subito sotto la seconda calata che vi lascerà su un'altra cengia. Scendere dei gradoni subito a sinistra e un po' nascosta troverete la terza calata. A questo punto siete all'uscita del diedro Aste. Seguite l'evidente traccia verso sinistra per circa 50m (raggiungerete un grosso ometto in corrispondenza di un canalino), 20m più in basso e verso destra, noterete 2 grossi ometti e una traccia non evidentissima, raggiungeteli e vedrete la sosta. Calatevi stando a destra in parete (NON nel camino) e dopo quasi 60m, su un terrazzino alla vostra sinistra, noterete la sosta (possibile sosta intermedia). Con un'altra calata raggiungerete una cengia contraddistinta da un grosso masso, aggiratelo, e troverete la sosta di calata. Cominciate a calarvi nel camino, poi appena trovate un punto comodo per uscirne a destra (dopo circa 20m), uscite in parete fino ad incontrare la sosta della sesta calata. Con un'altra calata da 50m (stando sempre in parete, a destra del camino) raggiungerete la cengia mediana. A questo punto zaini in spalla e seguendo l'evidente traccia verso sinistra (per circa 20 minuti) attraversate tutta la cengia mediana (in caso di neve, consiglio di stare alti sulla cengia), seguite la traccia che scende e su una terrazza comoda noterete un ometto piuttosto evidente, raggiungetelo, e sulla paretina dietro quest'ultimo troverete l'ultima calata da 50m (aerea) che vi lascerà sopra un nevaio, aggiratelo verso sinistra puntando a un canale nevoso (settembre 2013), scendetelo e vi troverete sul sentiero Martinazzi. Da qui per sentiero segnato in circa 1h al Rifugio Brentei.

NB
Il senso di marcia si intende viso a valle per i tratti da camminare, mentre per le calate si intende viso a monte.
Tutte le calate devono essere effettuate con 2 corde da almeno 50m (non abbiamo trovato soste intermedie, tranne una a metà della 4^ calata).
Portatevi qualche cordone e maglia rapida per sicurezza.
La calata più difficile da trovare è quella dopo il diedro Aste (noi abbiamo perso più di 1h), le altre si trovano bene, occhio anche per la prima.
Calcolate 3/5h per arrivare al Martinazzi. (conoscendola ne abbiamo impiegate 2)
Secondo noi è molto più conveniente attraversare tutta la cengia mediana e fare un'unica calata (come descritto qui), la traccia è evidente e la calata si trova bene.

In data 20/09/2014 abbiamo segnato con grossi ometti tutta la discesa, abbiamo cercato di metterli nei punti più strategici, per facilitarla il più possibile. Speriamo possa tornarvi utile.


Foto1: Marco sulla Cima di Mezzo con il bivacco in vista
Foto2: in discesa dallo spigolo
Foto3: serviva?
Report visto  2797 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport